top of page

2022/ Sguardi d'Oltrarno. I talenti di oggi sulle orme delle artiste di ieri

In un dialogo attraverso i secoli, il programma di iniziative Sguardi d’Oltrarno 2022 fa da ponte tra l’arte attuale, l’artigianato e l’arte di donne del passato, con particolare attenzione al quartiere dell’Oltrarno.



SGUARDI D’OLTRARNO. UNA PANORAMICA Firenze è lieta di accogliere il programma culturale multidisciplinare organizzato da British Institute of Florence e dall’Associazione Culturale il Palmerino grazie al contributo di Advancing Women Artists Legacy Fund. Questa ricca serie di eventi comprende tre mostre, borse di studio per tre programmi/laboratori, tre “inviti” per artigiani fiorentini e internazionali, scrittori e fotografi a dare vita a creazioni inedite e tre passeggiate culturali. Per tutta la primavera, 14 fotografe e videomaker documenteranno il processo creativo dei 45 artisti del mondo dell’artigianato e della fotografia che costituiscono la colonna portante di Sguardi d’Oltrarno 2022. Il loro lavoro confluirà in un corto-documentario, un catalogo (The Florentine Press, 2022) e una performance spoken-word. Il programma dettagliato e l’elenco dei partner coinvolti sono allegati al presente comunicato.


FINALITÀ DEL PROGETTO “Il progetto vuole mettere in luce la relazione tra l’artigianato di oggi e lo storico quartiere delle botteghe dei maestri fiorentini e offrire l’opportunità per creare una piattaforma dove esporre i lavori di artisti emergenti e di quelli già affermati” spiega Linda Falcone, coordinatrice del progetto. “Più precisamente, Sguardi d’Oltrarno 2022 si impegna a documentare e promuovere i contributi creativi delle donne, riscoprendo legami storici e creandone di nuovi."


UNA COLLABORAZIONE RICCA DI STORIA Le due realtà organizzatrici di Sguardi d’Oltrarno hanno legami con la comunità internazionale fiorentina fin dai primi anni del Novecento, quando in città si consolidò la cosiddetta “Colonia inglese” di intellettuali e artisti stranieri. Ancora oggi, esse sono un punto fermo dei fiorentini di nascita e di quelli adottivi per il loro impegno nel promuovere la creatività contemporanea, in un costante dialogo con le tradizioni della città. Ecco alcuni dei principali momenti del programma:


"Sotto al British" Sguardi d’Oltrarno coincide con l’apertura di Sotto al British, un nuovo spazio per la creatività contemporanea nei locali del British Institute of Florence la cui attenzione si rivolge principalmente alla cultura visiva e alle arti performative. Questo spazio, situato sotto la celebre biblioteca, cuore pulsante del British, ospiterà vari eventi in programma, compresi il laboratorio di produzione della carta curato da “Creative People in Florence” e una visita speciale alla scoperta di alcuni volumi della collezione personale dell’autrice Vernon Lee, tappa iniziale dell’evento “Dal cuore alle colline”, la passeggiata culturale in programma l’8 maggio. Dal 9 al 16 giugno accoglierà la mostra pop-up “Camera Captures: visioni d’Oltrarno” allestita per il gran finale di Sguardi d’Oltrarno, con fotografie, installazioni e opera di artigianato create nel corso del progetto.


“Il Palmerino Highlights” Oltre a ospitare le passeggiate nel giardino della sua tenuta storica sulle colline di Firenze, Il Palmerino sarà sede di due degli eventi in programma. Nel primo, “Ritratti in Dialogo” (fino al 22 aprile), le opere create da tre pittori emergenti con il metodo sight-size, ispirato a Tiziano, verranno esposte accanto a quelle delle artiste settecentesche Violante Siries Cerroti e Angelica Kauffman. Dal 5 maggio al 5 giugno sarà la volta di “BRIDGES”, la mostra di book art allestita da 10 artiste di oggi in dialogo con le artiste del passato. In occasione delle serate di apertura e chiusura di “BRIDGES”, il piccolo anfiteatro di villa Il Palmerino ospiterà “Tessere artiste alla Storia”, la performance spoken-word dell’artista australiana Marisa Garreffa, basata sulla call per scrittori con lo stesso nome.


COME È NATO TUTTO Sguardi d’Oltrarno 2022 giunge alla sua seconda edizione e le prossime sono già in fase di preparazione. “Il progetto è iniziato nel 2021 da una collaborazione con Advancing Women Artists. Subito dopo il primo lockdown abbiamo cercato un modo per fare uscire le persone dall’isolamento creativo e attirare l’attenzione sul quartiere dell’Oltrarno, messo in ginocchio dall’improvvisa assenza di turismo internazionale” racconta Federica Parretti, presidente dell’Associazione Culturale Il Palmerino. “La prima edizione ha ottenuto consensi ben superiori alle nostre aspettative: per questo proseguire è diventata la nostra priorità”.


“Il British Institute of Florence è orgoglioso di raccogliere l’eredità di AWA e di presentare la seconda edizione di Sguardi d’Oltrarno insieme a Il Palmerino e in collaborazione con molte altre realtà”, afferma il direttore del British Simon Gammel. “L’Oltrarno è il nostro quartiere e il dialogo tra la pratica creativa attuale e quella storica promossa da questo progetto è anche al centro dei nostri obiettivi.”


CHI PARTECIPA?


Organizzazione del progetto The British Institute of Florence e Associazione Culturale Il Palmerino APS


Sguardi d’Oltrarno 2022 è reso possibile grazie al finanziamento di Advancing Women Artists Legacy Fund, ringraziamo: Alice Vogler, Donna Malin, Connie Clark, Pam Fortune, Nancy Hunt, Nancy Galliher e la Direttrice dell’AWA Legacy Fund Margaret MacKinnon


Ideazione e coordinamento del progetto

Linda Falcone


Comunicazione e media

Calliope Arts / Restoration Conversations

The Florentine


Con il patrocinio del

Consolato degli Stati Uniti d’America di Firenze


In collaborazione con “Sotto al British” del British Institute of Florence, Gruppo Fotografico Il Cupolone APS, “Creative People in Florence”, Freya's Florence, Museo Amalia Ciardi Duprè, Atelier degli Artigianelli e Spazio NOTA con Osservatorio Mestieri d'Arte


Videomaker e fotografi Olga Makarova, Simone Sabatini, Viola Parretti, Alessandra Barucchieri, Valentina Bellini, Cinzia Carmen Cardellicchio, Laura Cervaroli, Maria Grazia Dainelli, Cecilia Franchi, Elisa Fossi, Maria Laura Fineschi, Daniela Giampà, Donatella Piazza, Irene Pini ed Antonella Tomassi

Artisti Elena Barthel, Samuel Leutze Bordley, Amalia Ciardi Duprè, Lydia Chapman, Mimma Di Stefano, Silvia Fossati, Lyall Harris, Virginie Houdet, Marisa Garreffa, Massimo Lippi, Guenda Nocentini, Emily Rogers, Patricia Silva e Rea Stavropoulos


Artigiani Beatrice Cuniberti, Omero Benvenuti, Camilla Di Biagio, Erin Ciulla, Gigi Echevarria, Joy Franklin, Antonella Ielpo, Stephanie Lehmann, Elif Malkoclar, Poiret Masse, Kirstie Mathieson, Duccio Mazzanti, Margherita de Martino Norante, Luca Parenti e Stefania Pelliccia.


Comentarios


bottom of page