top of page
_MB87036.jpg

Prospettive di carta

Mostra dei lavori realizzati con il progetto

di borse di studio per studenti

22 - 30 maggio 2020

Colonica di Villa Il Palmerino

Aperto agli studenti partecipanti e alle loro famiglie, il nostro piccolo ma gioioso evento di inaugurazione del 22 maggio 2021, è stato una piccola oasi di incontro tra le persone dopo un anno di apprendimento prevalentemente a distanza. La mostra ispirata all'Oltrarno, con 20 incisioni su carta fatta a mano, è stata progettata per evidenziare il processo, non solo il prodotto finito. In diversi casi, sono state esposte anche matrici di linoleum nero, fornendo un indizio di ciò che serve per creare un'incisione finita. Ognuna delle stazioni della mostra aveva un'atmosfera da banco di lavoro vecchio stile, con strumenti vintage e materiali grezzi , compresi tubi di vernice e grandi barattoli di vetro contenenti le fibre usate per fare la carta.

Cosa ne pensano gli studenti-artigiani di questo progetto?

 

Il diciottenne Francesco Bianchi condivide i suoi pensieri: "L'esperienza di essere coinvolto in questo programma di borse di studio è sicuramente qualcosa che porterò con me: non importa dove andrò e cosa farò in futuro. Il mondo sta diventando progressivamente più avanzato e ciò che le persone fanno viene sostituito per comodità, dato che ci sforziamo di raggiungere la perfezione estrema che elimina la meravigliosa imperfezione insita nelle nostre mani. L'artigianato però continua ad avere voce in capitolo e fare un'esperienza come questa mi ha fatto capire che l'imperfezione rende le cose più uniche e più belle di quanto si possa immaginare".

Stendere ad asciugare

In che modo 'Paper Perspectives' si adatta bene a Il Palmerino e quali scelte stilistiche sono state fatte per catturare contemporaneamente l'anima del progetto e lo spirito del luogo? Questa è stata la domanda che abbiamo posto alla conservatrice Beatrice Cuniberti, direttrice di Artelier degli Artigianelli che ha guidato il programma di borse di studio, in tandem con la collega artigiana della carta Paola Lucchesi. “Il Palmerino è una colonica del XV secolo”, spiega Cuniberti. “È un luogo di tradizioni radicate che sono in armonia con la natura, ma non vi è pompa e formalità"

 

Questa mostra è simile. Abbiamo esposto i lavori su 'fili appendi biancheria' realizzati con materiali naturali, appendendoli con minuscole mollette di legno… Questo allestimento da un lato ricorda il processo che usiamo per essiccare la carta fatta a mano alla cartiera, dall'altro, si sposa con quello di Palmerino giardino e l'atmosfera rustica toscana del centro culturale. Molte delle opere sono presentate su uno sfondo rosso. La carta avorio, l'inchiostro nero contrasta nettamente con quel rosso brillante. È una scelta grafica audace – audace, come i giovani che cercano di irrompere, mentre iniziano a ritagliarsi il loro posto creativo nel mondo”.

Dall'Oltrarno alla Magna Grecia?

“Per creare le loro lastre da incisione, gli studenti utilizzano il linoleum che, come suggerisce il nome, è composto da olio di semi di lino. Tradizionalmente gli artigiani usavano il legno, ma durante i lavori dei corsi per gli studenti delle scuole superiori del quarto anno, come quelli presenti in mostra, utilizziamo materiali più morbidi e malleabili, per sfruttare al meglio il tempo”, afferma Silvia Coppetti, professoressa di arte grafica dei borsisti . “Inizieranno a lavorare con i tagli di legno nel quinto anno. Nel frattempo, i ragazzi si esercitano a incidere utilizzando come matrice l'interno di vecchi cartoni del latte”. Mentre gli Artgianelli lavoravano con i nostri cinque borsisti presso il laboratorio in Via degli Serragli, Coppetti era impegnata anche nella formazione del resto della classe, presso il Liceo Artistico di Porta Romana di Firenze e Sesto Fiorentino.

“Agli studenti è piaciuto molto avere un unico tema su cui lavorare, mentre preparavano la loro lavori per questa mostra. L'Oltrarno era un tema che li univa. Per il nostro prossimo lavoro sull'acquaforte, mi hanno detto che vorrebbero che tutta la classe lavorasse di nuovo su un argomento. Quindi, ho guardato attraverso i loro taccuini - che è il loro diario di pratica personale - per vedere cosa li avrebbe ispirati. Cerco sempre di attingere ai loro interessi. Non voglio essere invadente e imporre loro le mie opinioni. Voglio che imparino la mia tecnica, ma non la mia arte, perché hanno bisogno di sviluppare la propria espressione unica. Ma indovina quale tema hanno inventato da soli? Mitologia greca antica. Quindi, è lì che andremo dopo!”

 

Fonte: rivista Inside AWA , edizione estiva, 2021

bottom of page